#siamoandatiavivereincampagna

Potrei raccontarvi delle ultime 4 settimane di merda, tra pannolini, febbre, corse in ospedale, cerette mancate, vita sociale azzerata, ricrescita dei capelli, scarso tempo anche solo per una doccia.

Potrei farvi un lunghissimo elenco del perché non si dovrebbero fare i secondi figli d’inverno, o del fatto che i metri quadri del proprio appartamento possono essere soggetti a interpretazioni di varia natura.
Ovvero, 120 mq possono in un solo giorno, diventare 30.

Potrei dirvi che continuo a non capire le “gioie della maternità” e la “dolcezza dei neonati, anche adesso, al secondo figlio.

Invece, invece vi racconterò solo il “temporaneo epilogo” delle ultime 4 settimane di merda.
All’ennesimo raffreddore, all’ennesimo colpo di tosse (anche mio) ho svuotato casa, ho imboccato l’autostrada direzione nord con la macchina carica che neanche le vecchie transumanze di una volta potevano competere con me, mi sono incollata due nani, e sono scappata.
In campagna.
Sotto una pioggia torrenziale, in un vecchio casale dove inutile dirlo, fa freddo, e se tira vento da est piove pure dentro dal camino.

I primi giorni devo essere sincera, sono stati duri.
Il tempo non aiutava, il silenzio, niente da fare.
20 minuti di strada sterrata per comprare il latte.
Dormire con 4 vecchie coperte di lana, e svegliarsi la notte per controllare che i due fossero tumulati anche loro sotto altrettanti strati.
La tv che prende un canale su cinque.

Poi il tempo è migliorato, è arrivata la connessione internet, la casa ha iniziato a scaldarsi.
La colazione la mattina ha preso il ritmo giusto, fatta con calma.
Ho smesso di dimenticarmi cose da comprare a 20 minuti di strada bianca facendo una sacrosanta lista della spesa scritta, sigarette comprese.

Ai nani ho infilato calzini e pigiama di flanella doppio strato, e quindi chissenefrega se si scoprono la notte.
Le facce bianche e smunte si sono trasformate in rosa, e le giornate hanno iniziato a volare.

E adesso che è di nuovo lunedì sera, ho una lunga liste di cose da fare, e di persone da andare a trovare, alla faccia dei km percorsi.

Nano 1 ha dei nuovi passatempo e giocattoli, alla modica cifra di: raccattoquellochetrovoperterraeloportoacasa.
Nano 2 se ne sta tutto il giorno fuori in carrozzina.

Il meteo per i prossimi giorni non è un granchè, ma a me che mi frega, ho l’impermeabile e gli stivali di gomma.

Buona settimana a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: