Tel tempo, delle parole nude e crude e di ecologia

Del tempo:

“Viviamo in tempo strambo, dove la guerra tra il bene e il male si celebra da dietro un computer ; dove il bene in realtà è male e viceversa. Viviamo un tempo di gente che dice , che gira e muove e si muove, e che allo stesso tempo, non dice non gira non muovee non si muove. Poi invece c’è gente che si muove davvero, dai paesi in guerra o poveri, o brutti, e simuove verso i paesi dove ci sono persone che dicono di muoversi di vedere di girare, ma sono fermi dietro ai loro telefoni.

In un tempo dove si dice che si viva dietro uno schermo, dillo a quelli che salgono sui gommoni se lo schemo lo hanno mai visto. Gente che viaggia, che si muove da sud a nord , nessuno si muove invece da nord a sud. E’ un bene in piccolo che va al sud per aiutare, un bene composto da poche unità che vanno per missione, per coscienza e si ergono (per disperazione penso) a portatori di bene assoluto e ad assoluti condannatori di chi invece non fa niente.

Continua a leggere…

Beautiful Stranger

Due giorni fa è successa una cosa incredibile. Me ne stavo tranquilla canticchiando l’ultima canzone di Madonna, a squarciagola, stavo percorrendo una delle solite strade vicino a casa per andare a cena fuori. Non so perché ma avevo la macchina di mio padre. C’era un acquazzone estivo in piena regola, ho alzato il volume a cannone . Ritornello, testa che oscilla, chiudo gli occhi e li riapro guardando nello specchietto.

Non so cosa sia successo in quella frazione di secondo, non so come mai, il fuoristrada si sia alzato di qualche centimetro, non so proprio perché d’improvviso la strada era così piena di macchine, brutte, enormi, e poi tutte bianche. Una roba orrenda. Anche la solita edicola aveva dei tavoli fuori e gente che faceva l’aperitivo (all’edicola?)e il solito ristorante aveva cambiato insegna. Un delirio di gente e il panico vero.Continua a leggere…