Fenomelogia del presuntuoso

La presunzione è una brutta bestia, è una cosa che ho capito già bambina. Un adulto molto intelligente in occasione di un mio scatto di stizza mi disse senza mezzi termini.

“Ricordati che TU non sei nessuno, non vali una cicca, neanche se diventi la donna più ricca e famosa del mondo. E le tue posizioni saranno sempre sbagliate per il 99% della popolazione. Quindi impara a star zitta e a ascoltare, Tu non hai la verità assoluta in tasca e non l’avrai mai.”

Le porte in faccia, e le culate per terra – parecchie – hanno fatto il resto. Quindi posso con serenità dire che la presunzione di avere ragione, la presunzione di avere la visione della vita giusta, o anche giusta per se stessi della serie io la penso così, voi fate come cazzo vi pare. Io vivo così, voi fate come cazzo vi pare. Il bene e il male, il bianco e il nero, sono una brutta bestia.

Poi ogni volta che ne incontro uno (sempre meno spesso grazie a Dio) rifletto e penso quanto dev’essere estenuante vivere su un piedistallo e starsene lì a guardare il resto del mondo che gira. Continua a leggere “Fenomelogia del presuntuoso”