Cocca e la cugina d’oltralpe.

Ci sono giorni in cui Cocca riesce a chiamare fino a 10 volte.

A sua discolpa c’è da dire che io non rispondo. E lei riprova con una tenacia che se ne infischia di qualsiasi senso di educazione post-moderna (se qualcuno non risponde al cellulare, primo a poi vede la chiamata e quando può ti richiama). No, questa regola per Cocca non è valida. Lei chiama, a intervalli regolari. Finché non rispondi, o la anticipi con una telefonata tu.

La conversazione telefonica che poi segue non ha niente a che fare con una comune telefonata. Prima di tutto il soggetto delle frasi è sempre omesso.

Sta a te capire di chi o di cosa stia parlando, e la frase “non ho capito” non è ammessa, perché nella frazione di tempo che tu ci metti a pronunciarla Lei è già passata alla comunicazione successiva. Il fatto è che per Lei il “format telegramma” non si è mai evoluto.

Forse in termini di tempo speso, ma tutto resta una serie infinita di comunicazioni intervallata solo dalla preoccupazione che tu stia bene, e non sia stanca.

Dicevo, il soggetto delle frasi questo sconosciuto, ed è per questo, e non solo, che non rispondo durante la giornata alle sue chiamate. Perché ho bisogno di un’enorme stanza silenziosa e di cuffie adatte  per poterla interpretare.

Un pò come i rebus della settimana enigmistica (che non sono mai riuscita a risolvere) la telefonata prevede rari e confusi indizi, dati tra l’altro in ordine casuale, e quindi tu ti ritrovi il più delle volte ad annuire senza sapere perché.

Altra difficoltà è data dalla totale mancanza di priorità delle informazioni, una fondamentale visita medica è buttata in mezzo alla lista delle comunicazioni, tra la richiesta di taglia di uno dei nani, la litigata con il portiere o la mail mandata alla giunta.

Così  frasi come: “sai il bambino è davvero intelligente, lo sai cosa ha detto al tè dell 5 davanti a Otto Carla Sussi e Biribissi?”

E io già so chi è il bambino, anche se stavamo parlando della mostra che dovrebbe essere fatta su mio nonno.

Ma lei è andata già avanti, e il soggetto in una frase è una cosa del tutto irrisoria.

Il bambino è il figlio della cugina d’oltralpe, (che ho visto 7 volte in vita mia) e che da anni è il cruccio un pò di tutta la famiglia. Non tanto per aneddoti divertenti, ne per simpatiche problematiche legate a droga sesso e rock and roll. No. La cugina d’oltralpe pare sia un genio, in tutto. Qualsiasi cosa faccia da quando è venuta al mondo è assolutamente eccezionale. Che sia un uovo al tegamino, la realizzazione di un disegno, la laurea. Insomma il confronto, con questa ormai entità leggendaria che tutto può e tutto fa, è diventata un amaro capitolo della mia vita.

Per anni mi è stato detto che la cugina d’oltralpe parla 4 lingue perfettamente. Io anche ma non perfettamente e quindi sono una pippa.

La cugina d’oltralpe invece di andare a ballare la sera andava a vedere le mostre e ha un bagaglio culturale molto più ampio del mio. Io povera piccola provinciale analfabeta.

La cugina d’0ltralpe è andata a fare un viaggio bellissimo in Marocco per vedere le riprese di non so quale film d’autore. Anche io sono andata in Marocco svariati anni prima di Lei, ma solo a farmi le canne, quindi non conta.

La cugina d’oltralpe è sempre circondata da persone incredibili che porta a Roma a corte da Cocca per impressionarla. Io no che è meglio.

Per anni si è parlato del fatto che la cugina d’oltralpe avesse “accalappiato” un uomo già sposato e alla fine sia riuscita anche a farci un figlio. Anche io, prima di lei in realtà, ma in questo caso non mi sembrava il caso di fare a gara.

Insomma qualsiasi cosa fatta dalla cugina d’oltralpe è un milione di volte meglio di quella che io o mia sorella potremmo anche lontanamente immaginare. Lei avvolta in quest’aura mistica di genialità/esoticità senza senso.

E per l’appunto il bambino di cui sopra, per proprietà transitiva, è un genio, parla già e ha solo 2 anni e mezzo, e dice delle cose difficilissime.

Ecco quando Cocca parla di questo io chiudo gli occhi e penso a un preciso momento della mia vita.

Io e LUI ad una riunione di famiglia:

LUI: “Amore chi lei?”

IO : “la Cugina d’oltralpe”

LUI: “Ammazza che Cesso oh!”.

Gioco, Partita, Incontro.

E comunque nano2 non ha compiuto neanche 2 anni e parla benissimo!

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: