Paura e orrore a Bordeaux aka tranne noi ce la fanno tutti

Che uno dice, vado a farmi un tranquillo ponte in Francia, ho trovato un biglietto aereo a due lire, me ne vado in giro per cantine a bere…che male c’è.
E alla fine parti, e arrivi in un posto e tu inerme assisti agli eventi, sconvolta.

Tipo usciti dall’aereoporto, non c’è nessun panico, sono tutti ordinati in fila, e nessuno ti offre un taxi abusivo. Non solo, per terra non c’è neanche un mozzicone di sigaretta. Allora che fai ti guardi intorno e pensi, ci deve essere un poliziotto che non ho visto…e invece no, nessuno.
Vai al rent a car e …sorridono, a te.
Ti volti e pensi, e dai c’è Pamela Anderson dietro di me.
E invece no.
Trovi la macchina, subito, e la macchina non è al “parcheggio hertz” generico come da noi – che per inciso quante volte siete stati lì a pigiare sull’apertura delle porte sperando di vedere una macchina illuminarsi tra le miliardi parcheggiate? – dicevo, non al generico parcheggio…è al parcheggio hertz al numero 30, proprio lì dove doveva essere.

Inizio a innervosirmi…io volevo solo venire in vacanza, in santa pace…e invece, mi tocca stare all’erta per questa incredibile situazione di “civiltà” . Deve esserci la sòla…
Roba da pazzi!

Così inizia la mia avventura di 4 giorni.
Vado a Plya, e non solo la zona è servita da parcheggi a pagamento, ma la prima mezz’ora è gratis…
E ovviamente nessuno spinge, nessuno butta a terra le sigarette.

Arrivo in città…una città praticamente chiusa al traffico (simil Firenze) e incredibile… parcheggi ovunque, sistemi di controllo per ingresso e uscita agli autorizzati della zona rossa. Ma no che ce sta la telecamera che te fa la multa così il comune fa cassa…no…ci sono piloni sali scendi e un citofoni che a seconda della zona hanno:

pulsanti diretti per alberghi
pulsanti per enti
scan per chi ha il pass
tastiera per chi ha il codice

L’umore peggiora alla vista di questa cosa qui sotto.

Tutta la città è servita da 3 linee che si incrociano. Di fatto ha sostituito la metro.
Il tram non solo è spettacolare, ad ogni fermata c’è una biglietteria automatica, pensilina per la pioggia, sedute varie.
Ma la cosa peggiore è che non c’è cordolo e soprattutto passa a 2 metri – letteralmente – dai principali monumenti storici. Nessuno intralcia mai il suo percorso.

E continua il mio calvario, non c’è nessuno che deturpa, nessuno che scrive sopra il suo nome.
Tutti pagano il biglietto, anche se nessuno controlla.
E son lì che mi sogno un tram così bello che passa davanti al colosseo, attraversa piazza di spagna… poi torno in me.

E mi maledico, per aver scelto di uscire dal mio paese, e aver visto per la milionesima volta che:”Si può fare”. La civiltà esiste.

Note tecniche per i polemici:
Bordeaux ha esattamente la stessa forma di Roma. Il grosso del centro storico si sviluppa esattamente come nella capitale Italiana, ha il fiume, e le stradine piccole e dei simil sampietrini.
Ha lo stesso sistema di raccolta dell’immondizia (camion che intasano il traffico e tutti smadonnano).
Ma a bordeaux i palazzi sono stati tutti ripuliti, per terra non c’è na cicca,  servizi pubblici funzionano e la gente incazzata perché non pò arriva sotto casa con la macchina…la sera sta beatamente affacciata alla finestra del suo palazzo bianco (no smog no nero) e sorride.

E passiamo ai tips:

Al di fuori delle visite da guida …
Da non perdere assolutamente:
Gli hangar riconvertiti in shopping center lungo il fiume per info cliccate qui

Una cena da MoshiMoshi

E un’altra cena da Solena. Assolutamente perfetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: