Mamma che più mamma non si può – febbre da vacanza (di mamma)

Che ho scoperto essere un grande classico.
Direte sai che scoperta…e che ti devo dire, io il nano ce l’ho solo da 11 mesi che ne potevo sapere?
E quindi sono qui, da 48 ore, che aspetto pazientemente che quella specie di cosa che mi condiziona tutta la vita, che urla a orari improbabili, e che mi rende la vita un meraviglioso incubo, si dia una regolata e mi faccia partire.
Sì sì avete capito benissimo, qui c’è in gioco la mia settimana di vacanza.
Una settimana, in barca, senza nano, senza rotture di scatole, senza telefono, senza internet con LUI, santo, che ha resistito a questi 11 mesi + 9.
E certo perché nano malefico, mica s’ammala prima di partire per le Nostre (di lui comprese) vacanze.
Ma prima della mia.

Il bilancio al momento conta, 2 notti insonni, 1 cena annullata, aspetto (mio) orribile.
E solita figura di merda con la pediatra.
La scena è sempre la stessa, mi presento, con nano piagnucoloso attaccato a me a mò di coala in reparto e lei mi guarda, lo visita.
Bronchi ok, orecchie, ok, è la gola.
E io senza mezzi termini: “quanto ci vuole? No sa perché io dovrei partire per le vacanze.”
Occhiattaccia.
Aggiusto il tiro: “No nel senso, le mie vacanze, lui dovrebbe rimanere qui, ma sa se sta male, come faccio a partire?”
Fulmine, silenzio, gelo, le solite balle di fieno che rotolano per i corridoi dell’ospedale.
Sacrilegio, cioè, il mio problema non è che non partiamo TUTTI, per le vacanze, ma che io devo rinunciare alla MIA.
Esatto.
Io madre degenere, io che me ne frego della salute del nano e oso addirittura chiedere di spingere sull’acceleratore dell’antibiotico.
Strega!
Nella mia mente la frase era una cosa tipo: “scusi ma non lo posso imbottire di medicine così passa tutto in 24 ore?” Non ho osato.
E intanto, sono qui, me misera, me tapina, che aspetto seduta accanto a lui, che s’è appena addormentato e gli tengo la pezza fredda sulla fronte.
Io madre ingrata che prego solo di poter prendere quell’aereo…
…prima cosa da inserire nella lista QUELLO CHE HO FATTO IO PER TE che elencherò da grande mentre lui alza gli occhi al cielo.
1) Rinunciare alla vacanza con papà nel luglio 2012.
Tiè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: